Corona Daily Comment – ITA | 01

ESCLUSIVO! I risultati del modello sviluppato da FinLantern sull’andamento dell’epidemia di Coronavirus

Coronavirus Daily Comment (n. 1)

(di Riccardo Esposito, CEO a FinLantern)

 

 

 

In questo numero:

  • Presentazione dei principali risultati indicati dal modello di monitoraggio e previsionale della curva epidemiologica sviluppato da FinLantern.
  • Perché l’Italia è in questo momento il miglior benchmark al mondo per fare previsioni sull’andamento dell’epidemia in tutti i paesi sviluppati.
  • Commento sui dati di ieri (17 marzo)
  • Previsioni sui dati di oggi (18 marzo)
  • Analisi dell’eventuale impatto di tali dati sui mercati finanziari
  • (nel prossimo numero) Daremo dimostrazione che tutti i modelli di contenimento per spalmare l’epidemia su un arco temporale lungo (e prendersi cura di tutti gli infetti) che i vari stati stanno cercando di seguire si basano su un’ipotesi completamente sballata.

 

 

Cari amici di FinLantern,

Nell’attesa che la nostra vita torni alla normalità e che l’attività lavorativa torni ai ritmi di tutti i giorni, vi confesso che in questo periodo sono tornato a fare quello che un tempo sapevo fare meglio: analizzare dati.

Di fatto dopo aver caricato centinaia e centinaia di dati giornalieri sull’andamento dell’epidemia nelle principali aree di interesse (Cina , Italia, Svizzera, USA) ho costruito un modello di monitoraggio e previsionale della curva epidemiologica (il modello FinLantern).

Pertanto, se la cosa non vi disturba, mi permetterò di darvi le previsioni del modello e il mio commento (sicuramente neutrale ed indipendente) sui dati che l’Italia (principale benchmark nel mondo in questo momento sull’andamento dell’epidemia) pubblica ogni giorno alle ore 18:00.

 

La scelta dell’Italia è legata ai seguenti fattori principali:

  1. L’Italia è la principale economia avanzata in cui il Coronavirus COVID-19 si è diffuso immediatamente dopo la Cina. Questo ci consente di avere il set di dati più lungo.
  2. L’Italia, lungi dall’essere “l’untore dell’Europa”, è l’unico paese al mondo ad aver iniziato a cercare attivamente il Coronavirus tra la sua popolazione sin dall’inizio (150.000 tamponi!). Sebbene da un punto di vista questo abbia significato che l’Italia ha raggiunto il primo posto (immediatamente dopo la Cina) dei paesi più colpiti al mondo, da un altro punto di vista l’Italia ha sicuramente dimostrato di essere in assoluto il paese più trasparente al mondo nel fornire dati sullo sviluppo dell’epidemia. Né la Francia, né il Regno Unito, né la Germania, né la Spagna (che sebbene sia diventato “ufficialmente” il secondo paese europeo più colpito, alcuni esperti stanno stimando che il numero di casi infetti potrebbe essere quasi il doppio!) … e, sicuramente, né gli Stati Uniti sono in grado di fornire un set di dati così affidabile.
  3. Sfortunatamente, nessun governo occidentale sarà in grado di imporre le misure restrittive adottate dalla Cina sulla sua popolazione (che si sono dimostrate particolarmente efficaci). Per questo motivo la curva epidemiologica in Cina non può essere applicata ad altri paesi, mentre l’Italia può rappresentare il miglior benchmark per tutte le economie avanzate al fine di stimare le loro curve epidemiologiche, sulla base delle misure restrittive adottate da un governo democratico.

 

**********************

 

Di fatto, se avessi cominciato ieri questa “rubrica”, quando tutti dicevano che i dati, che erano usciti il 16 marzo, erano incoraggianti (calo di nuovi casi, calo di positivi, calo di morti), vi avrei potuto già anticipare che in base al modello FinLantern erano in realtà assolutamente in linea con un trend che rimane esponenziale.

Ecco! Come, infatti, ci si poteva attendere, ieri 17 marzo si è subito avuto il record di casi positivi (quasi 3000 in un solo giorno).

Premesso che ogni modello (compreso il nostro) non è in grado di stimare in maniera puntuale i dati di ogni giorno (ma solo un trend) e premesso che i dati reali non seguono mai una curva perfetta (ci possono anche essere delle imprecisioni nelle rilevazioni) e possono essere pertanto molto altalenanti intorno al trend stesso, vi informo che invece il dato di ieri sembrerebbe essere, in base al modello FinLantern, “buono” e confermerebbe un leggero rallentamento della velocità di espansione dell’epidemia in Italia (che però resta ancora esponenziale).

Di fatto i dati di ieri 17 marzo ci dicono, in base al nostro modello, che un certo indice (detto RO, che potrei tradurre in “numero di contatti contagianti che ogni infetto può causare in media”) è arrivato per la prima volta ad essere praticamente pari a 2 (tanto per intenderci RO all’inizio di marzo era superiore a 4, cioè ogni contagiato ne contagiava almeno altri 4).

Benché 2 sia meglio di 4, non è il caso di esaltarsi … infatti un RO = 2 mi dice, che sulla base di circa 26.000 persone attualmente infette in Italia, queste si tradurranno fra qualche giorno in circa 52.000 nuovi contagiati!!!! … cioè 52.000 persone che probabilmente sono già state contagiate e ancora non lo sanno!

 

Premesso che non è compito di questo studio dire se il sistema sanitario italiano sarà in grado di reggere a tale urto, quanti saranno i morti e quanti i guariti … quello che invece si potrebbe stimare (solo STIMARE!), con un grado di accuratezza che può migliorare di giorno in giorno, è:

  1. Quanti potrebbero essere i nuovi infetti il giorno dopo (con le conseguenze che questo dato potrebbe avere in questo momento sul sentiment di mercato e su tutti i principali indici azionari).
  2. Quanti potrebbero essere i contagiati totali alla fine dell’epidemia (escludendo i cosiddetti “casi di ritorno” ).
  3. Quando l’epidemia potrebbe iniziare a rallentare (RO < 1).
  4. Quando l’epidemia potrebbe finire (escludendo la nascita di eventuali nuovi focolai, che in una popolazione non totalmente immune saranno sempre possibili).

 

 

Avrei ancora molte cose da dirvi su cosa il modello FinLantern potrebbe fornire come informazioni in modo da capire meglio che cosa ci aspetta a tutti noi nei prossimi giorni e su come potrebbero muoversi i mercati finanziari, ma sono già stato troppo prolisso.

Se vorrete seguirmi in questo “Coronavirus Daily Comment”, mi impegnerò pertanto a darvi ogni giorno un aggiornamento delle stime del nostro modello previsionale e ad aggiungervi qualche utile informazione.

Per esempio nel prossimo numero dimostrerò che tutti i modelli di contenimento per spalmare l’epidemia su un arco temporale lungo (e prendersi cura di tutti gli infetti), che i vari stati stanno cercando di seguire, si basano su un’ipotesi completamente sballata.

Resto a disposizione per rispondere a vostre eventuali curiosità scrivendomi su Riccardo@FinLantern.com

Un buon #iorestoacasa a tutti,

 

Riccardo

 

 

 

Riccardo Esposito

CEO – FinLantern

e-mail: Riccardo@FinLantern.com

Website: https://finlantern.com/

Linkedin: http://ch.linkedin.com/in/resposito