Corona Daily Comment – ITA | 05

ESCLUSIVO! I risultati del modello sviluppato da FinLantern sull’andamento dell’epidemia di Coronavirus

Coronavirus Daily Comment (n. 5)

(di Riccardo Esposito, CEO a FinLantern)

 

 

 

In questo numero:

  • La soluzione a tutti i problemi (economici-finanziari) del COVID-19: il “#TIMEWARP”
  • Chi potrebbe essere il vero vincitore dopo la crisi del Coronavirus.
  • Presentazione dei principali risultati indicati dal modello di monitoraggio e previsionale della curva epidemiologica sviluppato da FinLantern.
  • Commento sui dati di oggi (23 marzo)
  • Previsioni sui dati di domani (24 marzo)
  • Analisi dell’eventuale impatto degli ultimi dati sui mercati finanziari: POSITIVO!

 

 

Cari amici di FinLantern,

Mi devo scusare con voi. Mi avete scritto davvero in tanti (oggi il mio daily comment, nato quasi per caso, è stato aperto da oltre 18.000 di voi) dicendomi di non essere pessimista, e che alla fine saremmo sicuramente ritornati alle nostre precedenti vite.

Non preoccupatevi! Anche io sono ottimista e la penso esattamente come voi … ma ogni tanto bisogna dire subito e in modo chiaro che cosa non funziona, in modo da poter subito correre ai ripari: quanto il Governo italiano, e alcuni altri governi europei stanno facendo, va finalmente nella giusta direzione. Attendiamone i risultati e continuiamo tutti a fare la nostra parte: stiamo a casa!

 

CHI SARÀ IL VINCITORE DEL POST-CORONAVIRUS?

Oggi vi avevo promesso che vi avrei detto chi, secondo me, se non facciamo qualcosa, rischia di essere il vero vincitore di questa irreale situazione che tutto il mondo sta vivendo.

È facile! La Cina!

La Cina, da cui tutto è partito, potrebbe uscire, infatti, addirittura rafforzata da questa crisi. Di fatto, la Cina è stata quella che ha saputo affrontare meglio l’epidemia, prendendo misure di contenimento gravissime subito, quando l’espansione era ancora nella sua fase iniziale (Wuhan è stata messa in quarantena il 22 gennaio, quando in tutta la Cina c’erano solo 570 casi ufficialmente … l’Italia ha preso solo durante lo scorso weekend misure similari quando aveva 59.000 casi).

Il punto è che i paesi occidentali, governati da democrazie in cui le decisione autarchiche della Cina sono impossibili da prendere in tempi rapidi, saranno ancora per parecchie settimane (… e speriamo che siano solo settimane) impantanati a gestire l’emergenza COVID-19, con i motori delle loro economie assolutamente fermi.

Nel frattempo, per rassicurare le loro popolazioni e i loro elettori, stanno facendo a gara per promettere piani di salvataggio di migliaia di miliardi che sono davvero curioso di sapere come verranno poi finanziati (solito ricorso a debito?) e con quali procedure verranno distribuiti (impianti burocratici complessi?).

Non solo, sempre per rassicurare i propri elettori, i Governi occidentali stanno promettendo, come ulteriore strumento per risollevare le proprie economie, di voler reimportare le produzioni dalla Cina (dimenticandosi che se gli imprenditori erano andati in Cina era per poter reggere la competizione sui prezzi, e non per fare un bel viaggio dall’altra parte del mondo).

Infine, bisognerà tenere conto dell’effetto-povertà indotto dal crollo dei mercati finanziari e del suo impatto sulle economie reali. Ricordo che nel 2008-2009 il crollo dei mercati finanziari non ebbe importanti effetti sull’economia reale, dato che questi furono immediatamente fatti rimbalzare: +80% in sei mesi. Non sono sicuro che questa volta le banche centrali abbiano oggi sufficienti cartucce per far fare un simile rally alle borse di tutto il mondo.

Insomma, mentre la Cina sta già iniziando a riaprire le sue fabbriche e le sue città, il resto del mondo occidentale sarà ancora fermo per molto tempo e non si può assolutamente escludere che alcune fabbriche o società di servizi non apriranno addirittura mai. Nel frattempo tutto il mondo avrà ancora più bisogno della Cina.

Per proteggere tale vantaggio-competitivo del tutto inatteso, se io fossi Xi Jinping, sarei molto attento a controllare gli eventuali focolai che dovessero sorgere all’interno e, soprattutto, a chiudere le frontiere per evitare contagi “di ritorno”. Ops! … scusate, è proprio quello che in Cina stanno già facendo, obbligando chi arriva da altri paesi a stare in quarantena per 2 settimane a proprie spese.

 

 

LA SOLUZIONE PER LE ECONOMIE OCCIDENTALI: IL “#TIMEWARP”

Dato che a me piace il pensiero “laterale” non convenzionale, vorrei darvi un’anticipazione di un’idea che sto sviluppando (così mi dite anche voi cosa ne pensate).

Questa mia idea si chiama “#TIMEWARP”, che tradotto potrebbe voler dire DISTORSIONE TEMPORALE o SALTO TEMPORALE (per chi fosse un appassionato della serie di STAR TREK, probabilmente si ricorderà della propulsione a curvatura o “warp drive” 🙂 ).

È una mia teoria veramente bizzarra .. ma lo era anche quella dell’HELICOPTER MONEY, eppure questa sta diventando una delle vie d’uscita possibili (anche per creare iperinflazione e bruciare tutto il debito accumulato in questi anni … leggi: BUY GOLD & CRYPTOCURRENCIES).

 

Il #TIMEWARP funziona così.

Il calendario dell’anno 2020 è solo di 10  mesi: dopo il 29 febbraio, c’è il … 1 maggio.

Marzo e aprile sono cancellati!

Cosa significa questo?

1)  Mercati finanziari (Europa e USA) congelati da adesso fino al 1 maggio!

2)  Stipendi sospesi (una manna fondamentale per far sopravvivere le aziende … dopo capirete come i dipendenti potranno a loro volta sopravvivere)

3) Affitti per i mesi di marzo e aprile cancellati (del resto marzo e aprile non sono mai esistiti!) Perché i locatori non dovrebbero anche loro sopportare un minimo di sacrificio da questa crisi mondiale? Gli affitti invece continuano a correre come un tassametro! … e comunque anche i locatori beneficeranno anche loro dei vantaggi del #TIMEWARP riportati negli altri punti.

4) Pagamento di interessi su mutui o finanziamenti cancellate … le scadenze potranno essere spostate in avanti di un paio di mesi.

5) Le assicurazioni devono immediatamente rimborsare 2/12 dei premi incassati in anticipo! In questo modo viene data un po’ di cassa alle famiglie. Di fatto, bisogna considerare, come per esempio nel caso dell’RC AUTO, che in questo periodo di clausura tutte le auto sono per due mesi chiuse nei garage o parcheggiate. Questo significa che le compagnie di assicurazione non hanno rischi di incidenti e danneggiamenti e che i premi che hanno già incassato non erano pertanto commisurati al livello di rischio da loro effettivamente sopportato. Le assicurazioni RC AUTO (ma anche molte altre assicurazioni rischi) stanno avendo dei guadagni ingiustificati!

6) Tutti gli abbonamenti slittano di 2 mesi di default.

7)  Datemi anche voi delle idee … vi devo dire tutto io?  🙂

(potete condividerle con me su Riccardo@FinLantern.com)

 

 

EFFETTI:

– PER LE AZIENDE: il #TIMEWARP permetterebbe di mettere un bel freno ai costi fissi. In questo modo le aziende potrebbero conservare le proprie risorse per ripartire al momento giusto. Viceversa, il rischio è che, quando si ripartirà, molte di esse saranno fallite!

– PER I DIPENDENTI: è vero, non ricevono lo stipendio per un paio di mesi, ma alla fine del #TIMEWARP per lo meno avranno ancora un’azienda per cui lavorare. Diversamente, il rischio è di essere disoccupati perché i loro datori di lavoro sono falliti. Inoltre, bisogna anche considerare che avranno molti meno costi (no viaggi, no ristoranti, no cinema, no palestre, no benzina per auto, no mutui, no affitto ecc…). Resterebbero solo da pagare i costi per i bisogni primari:

  • cibo
  • utilities
  • connessioni Internet e TV (che nel mondo moderno è assolutamente un bisogno primario).

Credo che la maggior parte delle famiglie sarebbe in grado di resistere per un paio di mesi nell’avere un risparmio negativo per poter finanziare il costo per tali bisogni primari. Per quelle famiglie invece che non avessero un risparmio precedente da cui attingere, allora dovrebbe essere sicuramente previsto un sussidio da parte dello stato, ma in questo caso sarebbe un importo davvero contenuto per il bilancio pubblico.

 

RISULTATO:

Il #TIMEWARP permetterebbe di far ripartire le nostre economie come se niente fosse mai accaduto (marzo e aprile non sono mai esistiti!) … e senza aver forzato i Governi a fare altre montagne di debiti!

Il primo maggio ci saremmo solo svegliati da un brutto incubo 🙂

 

**********************

 

COMMENTO AI DATI del 23/03/2020

 

I dati di ieri 23/03/2020 sono molto, molto buoni … buonissimi. Troppo!

Di fatto ci sono stati “solo” 4.790 nuovi contagiati, in calo per il secondo giorno di fila. La mia preoccupazione è che potrebbero esserci dei cambiamenti nelle modalità di conteggio dei nuovi casi. Tali cambiamenti renderebbero più problematico il confronto dei dati attuali con quelli passati e falserebbe le traiettorie delle curve epidemiologiche, rendendo più difficile il lavoro previsione dei vari modelli (compreso il nostro).

La mia preoccupazione per l’integrità dei dati nasce dalle parole stesse di un paio di giorni fa di Borrelli (Capo della Protezione Civile Italiana), il quale, per rispondere ad una domanda su come mai il tasso di letalità in Italia fosse particolarmente alto e in crescita (vedi però anche nostra interpretazione nel Corona Daily News n. 4 https://finlantern.com/corona-daily-comment-summary/), ha detto che questo era un effetto non del numeratore, bensì del denominatore, in quanto non riuscivano più a stare al passo con tutti quelli che si presentavano con dei sintomi e a fargli il tampone, dato che i laboratori di analisi erano già in sovraccarico.

Questo significa che i nuovi positivi potrebbero essere molti di più di quelli ufficiali. Tanto per fare un esempio solo per mantenere un tasso di letalità in linea con i dati del giorno precedente, ieri si sarebbero dovuti registrare almeno 1700 nuovi casi in più, arrivando a circa 6.500!!!

Ciò che conta, ai fini del nostro modello, è che un tale cambiamento nel computo dei nuovi casi positivi ha necessariamente un impatto anche sul valore di Ro, portando ad una sottostima di esso. Riprendendo la nostra simulazione di prima, possiamo dire che gli ottimi dati di ieri hanno fatto calare il Ro al valore di 1,63 (prima era praticamente fermo a 1,825 da 5 giorni), mentre facendo la correzione di 1.700 nuovi positivi in più sarebbe di 1,80. Cercheremo meglio di capire nei prossimi giorni se dovremo considerare questa modifica per il nostro modello.

Al di là di tutto ciò, quel che è certo è che i dati di ieri dovrebbero essere accolti molto bene dal mercato e, pertanto, il loro impatto sulla borsa di Milano (e le altre borse europee) essere POSITIVO!

Se tale nuova tendenza dovesse essere confermata, in aggiunta agli effetti delle ultime restrizioni varate dal Governo italiano, che dovrebbero iniziare a svolgere i loro effetti nel giro di 7-10 giorni, non è escluso un UPGRADE del nostro, al momento, principale target di un Ro pari a 1 da metà aprile ai primi giorni di aprile. Attendiamo pertanto una conferma dai dati dei prossimi giorni.

 

STIMA PER OGGI

La nostra attesa per oggi è di un numero totale di nuovi contagiati compreso tra 69.500 e 70.500.

L’impatto sui mercati dovrebbe essere il seguente:

< 70.500: POSITIVO

70.500-71.500: NEUTRO

> 71.500: NEGATIVO

 

**********************

 

In questi giorni di clausura forzata sto riscoprendo tanti piccoli hobby … e ne sto anche coltivando di nuovi che non avevo mai avuto il tempo di praticare veramente. Fra questi, sto imparando a suonare il piano da auto-didatta (ho una piccola tastiera elettronica). Mi sto esercitando a suonare bene “Nuvole bianche” di Ludovico Einaudi. Ecco la mia versione preferita: https://www.youtube.com/watch?v=fEOJQawykD0

Continuate a scrivermi e a scambiare le vostre idee con me e, se il mio Corona Daily vi piace, non esitate a condividerlo con i vostri amici e colleghi facendoli registrare su http://community.finlantern.com/events/124-corona-daily-comment.

Un buon #iorestoacasa a tutti,

 

Riccardo

 

 

 

Riccardo Esposito

CEO – FinLantern

e-mail: Riccardo@FinLantern.com

Website: https://finlantern.com/

Linkedin: http://ch.linkedin.com/in/resposito